anche tu hai scoperto di amare la natura?


832
832 points
Hai scoperto di amare la natura? È uno degli effetti collaterali del Covid-19

Hai scoperto di amare la natura? È uno degli effetti collaterali del Covid-19

Effetti collaterali del Covid-19: anche tu hai scoperto di amare la natura? Questo è uno dei tanti effetti della pandemia che non ti aspetti

Hai scoperto di amare la natura? Ebbene, devi sapere che questo è uno degli effetti “collaterali” del Covid-19. Ormai lo sappiamo bene: la pandemia ha cambiato le nostre abitudini. Cose che un tempo davamo per scontate, oggi sono percepite in modo diverso. Un semplice abbraccio, un bacio, un giro in montagna, una passeggiata al centro commerciale: tutto ha un sapore differente. I lockdown e le restrizioni dovute all’emergenza Covid hanno cambiato le nostre prospettive, e persino le nostre passioni.

Ad esempio, qual è stata la prima cosa che avete fatto alla fine del lockdown imposto a Marzo? Dopo mesi di isolamento, la maggior parte delle persone non vedeva l’ora di tornare alle proprie abitudini. Ebbene, per molti di noi la prima cosa da fare è stata uscire all’aria aperta, andare a fare una passeggiata in spiaggia o in montagna. Insomma, ci siamo immersi nella natura.

Gli “effetti collaterali” del Covid-19 che non ti aspetti

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista Plos One rivela che il 26% delle persone che oggi trova pace e relax nei parchi, ha cominciato a farlo proprio durante la pandemia. Lo studio è stato condotto dai membri dell’Università del Vermont (UVM), ed ha preso in esame un campione di 400 persone che hanno visitato 25 parchi e aree naturali intorno a Burlington, nel Vermont.

Ebbene, a quanto sembra nel 70% dei casi le persone hanno frequentato più spesso tali luoghi. Ma perché sono stati scelti proprio parchi e boschi? Per uscire, certo, ma anche per fare esercizio fisico all’aperto, per connettersi con la natura, per respirare un senso di normalità, per fare passeggiate con il cane e per portare i bambini a giocare.

Le persone hanno bisogno di più spazio per la pace e la contemplazione e di spazi sicuri per socializzare quando così tanti altri sbocchi sono chiusi,

spiegano gli autori, sottolineando l’importanza dei luoghi naturali, soprattutto in un momento come quello che stiamo vivendo. Oggi più che mai la natura viene sacrificata in nome del “progresso”. Le città rubano il posto ai boschi e ai parchi, e di questo un giorno potremmo davvero pentirci:

Gli esperti di malattie infettive prevedono che i virus, come quelli che causano il COVID-19, saranno più frequenti in futuro. Le aree naturali dovrebbero essere salvaguardate e, se possibile, potenziate per mantenere e migliorare il benessere umano soprattutto in tempi di crisi, anche durante un’economia in declino.

via | ScienceDaily
Foto di Sasin Tipchai da Pixabay
Foto di ejaugsburg da Pixabay

Segui benessereblog.it


Qual è la tua reazione?

Odio Odio
0
Odio
Confuso Confuso
0
Confuso
Fallito Fallito
0
Fallito
Divertente Divertente
0
Divertente
Emozionato Emozionato
0
Emozionato
Amore Amore
0
Amore
Simpatico Simpatico
0
Simpatico
Oh mio Dio Oh mio Dio
0
Oh mio Dio
Figo Figo
0
Figo

0 Commenti

Entra con



Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scegli un formato
Quiz sulla personalità
Serie di domande che intendono svelare qualcosa sulla personalità
Trivia quiz
Serie di domande con risposte giuste e sbagliate che intendono verificare la conoscenza
Sondaggio
Sondaggio per prendere decisioni o determinare opinioni
Post
Testo formattato con incorporamenti e immagini
Lista
Le classiche statistiche di internet
Conto alla rovescia
I classici conti alla rovescia di Internet
Lista aperta
Invia il tuo articolo e vota per il miglior contributo
Elenco classificato
Voto per decidere la migliore voce dell'elenco
Meme
Caricare le proprie immagini per rendere personalizzato memi
Video
Youtube, Vimeo o Vite Incorpora
Audio
Soundcloud o Mixcloud Incorpora
Immagine
Foto o GIF
Gif
Il formato GIF